in

LONG TERM CARE: PROSPETTIVE E CONSULENZA

Buongiorno Matteo, qual è il tuo ruolo in UniCastelli?

Mi chiamo Matteo Laurenti e sono un consulente assicurativo specialist UnipolSai e collaboro con UniCastelli dalla sua fondazione.

Parliamo di Long Term Care, una tematica essenziale e complessa nel nostro settore. Tu come ti approcci?

L’approccio è quello di dare visibilità e rilevanza a una tematica come quella della non autosufficienza, che sta assumendo, negli ultimi anni, un’importanza sempre più accentuata. La finalità della mia attività è quella di informare e supportare le  persone che incontro quotidianamente, fornendo loro le giuste indicazioni sulle opportunità presenti, laddove possano verificarsi problematiche e difficoltà complesse, come  ad esempio una condizione di non autosufficienza. Partecipare alla creazione di una nuova cultura assicurativa è senza dubbio uno stimolo importante per il mio lavoro.

Chi sono secondo te le persone che oggi dovrebbero assolutamente valutare una copertura LTC? E perché?

La polizza LTC va a completare la tutela di una persona, affiancando una copertura sanitaria o quella per gli infortuni, per garantire all’assicurato e alla sua famiglia un sostegno concreto dal punto di vista economico al verificarsi di determinati eventi. Naturalmente le  persone nel pieno o all’inizio della loro attività lavorativa, che non vogliono “gravare” su altri familiari e che rappresentano la principale fonte di reddito, sono i soggetti principalmente interessati a valutare questa copertura e possono essere individuati come il target di riferimento.

Cosa pensi degli scenari economici e sanitari delle famiglie italiane nel prossimo futuro?

L’ambito sanitario, insieme a quello previdenziale, è sicuramente quello che necessita maggiormente della nostra attenzione. Questa fase di grande incertezza generata dalla pandemia ha messo in evidenza le difficoltà che il nostro sistema sanitario, fin ad ora eccellenza del nostro Paese, sta affrontando e il cambiamento che è in atto. Trovare la corretta soluzione dal punto di vista sanitario, attraverso una consulenza personalizzata, diventa fondamentale al fine di garantire a tutti il “diritto” alla salute, non dovendo attendere tempistiche esagerate o rinunciare, come purtroppo sta accadendo, alle prestazioni necessarie. Tutto questo con ripercussioni anche dal punto di vista economico perché si potrebbero liberare quelle risorse che attualmente sono bloccate proprio per la paura di dover fronteggiare in futuro spese di natura medico/sanitaria.

Grazie Matteo.

0 0 votes
Article Rating

Apprezzi questo contenuto?

Iscriviti alle notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Qual è il tuo stile di vita abitativo?

Assegno unico universale. Cosa prevedono gli altri paesi? Scrivi