in

INTERVISTA A MASSIMO LO CICERO: IL MIO LAVORO DURANTE LA PANDEMIA

Massimo Lo Cicero

Buongiorno Massimo.

Buongiorno, sono Massimo Lo Cicero, mi occupo di consulenza finanziaria con BPER Banca e consulenza assicurativa con UnipolSai.

Come hai affrontato quest’ultimo anno di pandemia?

E’ stato un anno ovviamente complicato.
Durante il lockdown totale del 2020, dopo i primi giorni di disorientamento dovuto all’impossibilità di incontrare i clienti, ho approfittato per organizzare delle chiamate – anche video – più lunghe per sentire come stavano vivendo la situazione e tranquillizzarlo sulla situazione dei loro investimenti. Ho sottolineato soprattutto le opportunità cui investimento dovute al calo dei mercati finanziari e la necessità di dedicare attenzione al risparmio precauzionale  per evitare di rimanere senza liquidità in caso di emergenza.
Come UniCastelli ha supportato l’attività di questo periodo di emergenza?
Mi ha dato la possibilità di lavorare a distanza grazie al tablet che mi ha fornito e senza il quale la mia attività sarebbe stata bloccata completamente. Grazie ad esso ho potuto sfruttare tutti i mezzi tecnologici – in primis firma elettronica e pagamenti a distanza – messi a disposizione dalla Compagnia.

Che bilancio faresti di questo anno trascorso così diverso dai precedenti?

Direi buono, si sono create diverse opportunità: innanzitutto di continuare ad usare la tecnologia con un vantaggio competitivo; parlare ai clienti di tutela in maniera diversa, visto che in Italia è sempre stato un argomento spesso difficile da affrontare ed infine contattare più frequentemente il cliente, anche se le visite di persona – che spero di riprendere al più presto in gran numero – rimangono insostituibili.

Grazie Massimo per la testimonianza e so che oggi è il tuo compleanno, quindi tanti auguri!
5 1 vote
Article Rating

Apprezzi questo contenuto?

Iscriviti alle notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Intervista a Serena Scagnoli di UniCastelli: il mio lavoro durante la pandemia

La CASA più ABITAZIONE che mai